Organizzazione

La gestione della Struttura fa riferimento a due livelli:

I livello – Consiglio di Amministrazione
stabilisce gli indirizzi generali, dispone eventuali lavori o trasformazioni, ecc.;

II livello – Direttivo
è responsabile della gestione organizzativa e si avvale della collaborazione della ordinatore sanitario per il nucleo R.A.F. e del gruppo operativo di gestione.

rippa-fondazione01

Il Direttore: 

  • Organizza i servizi e tutte le attività assistenziali all’interno della Struttura;
  • Cura e gestisce i rapporti con le persone fisiche e giuridiche esterne, esclusi quelli rientranti nella sfera di competenza del CdA;
  • Provvede agli acquisti e alle forniture del materiale e dei servizi necessari in base all’assegnazione degli obiettivi e delle risorse assegnate dal CdA;
  • ssegna le camere e decide con il referente sanitario in merito agli eventuali spostamenti degli Ospiti;
  • Mantiene i rapporti con i parenti degli ospiti del nucleo R.A.F. per quanto concerne le esigenze personali dell’utente e sollecita da essi una maggiore collaborazione in relazione anche a una più diffusa loro presenza accanto all’ospite medesimo e segnala vistosi casi di abbandono suggerendo eventuali rimedi;
  • Provvede in merito agli orari e ai turni di lavoro del personale;
  • È presente in Struttura dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00.

Il Referente sanitario – Capo infermiere :

  • Coordina il lavoro quotidiano A.D.eS.T./O.S.S. in merito a: alzate personalizzate, bagni, deambulazioni protette, piani di posizionamento (secondo le indicazioniTDR), piani di assistenza individualizzati, preparazione dell’utente a visite specialistiche;
  • Mantiene i rapporti con i parenti degli ospiti del nucleo R.A.F. per quanto concerne le esigenze personali dell’utente e sollecita da essi una maggiore collaborazione in relazione anche a una più diffusa loro presenza accanto all’ospite medesimo e segnala vistosi casi di abbandono suggerendo eventuali rimedi;
  • Provvede, in collaborazione con il direttore, all’inserimento e all’accoglienza dei nuovi utenti raccogliendo informazioni dall’utente stesso e dai parenti;
  • Incoraggia gli ospiti, favorendo un loro diretto coinvolgimento, nella gestione della propria persona e degli ambienti in cui vivono cercando di renderli anche più personali;
  • Controlla inoltre con il direttore alla corretta esecuzione della pulizia ambienti, la funzionalità e lo stato di conservazione di suppellettili, impianti, apparecchiature, infissi, ecc.

Il gruppo operativo di gestione, costituito da Direttore, capo infermiera, responsabile turno O.S.S., animatore, terapista della geromotricità, terapista della riabilitazione, responsabile del personale polivalente e responsabile del personale di cucina, si occupa della risoluzione delle problematiche e dei conflitti, sviluppa adeguate tecniche di intervento sugli ospiti, collabora alla redazione dei protocolli e, in collaborazione con il Responsabile Qualità e Privacy, collabora per ciò che gli concerne.

Il personale della Casa di Riposo – Area Assistenziale è costituito attualmente da:

  • 1 Direttore
  • 1 referente sanitario – capo infermiera
  • 28 O.S.S. a tempo pieno
  • 4 elementi come personale polivalente seguito
  • 4 elementi come personale cucina
  • 4 infermiere
  • 1 animatrice
  • 4 O.S.S. servizio notturno affidato alla Cooperativa Ederec

Nel suo complesso si occupa dei servizi di: assistenza infermieristica; assistenza riabilitativa; assistenza nucleo R.A. e R.A.A. e assistenza notturna; servizio ristorazione; servizio di pulizia; servizio lavanderia e guardaroba. Gli operatori O.S.S. addetti all’assistenza sono presenti 24 ore al giorno in conformità con quanto previsto dal DGR 46-2784 del 19 Luglio 1994 e dal DGR 17-155226/05-smi.

Gli orari di tutto il personale in servizio sono riportati nella Carta dei Servizi, disponibile presso la Segreteria e consegnata in copia integrale ai familiari di ogni ospite e a chiunque ne faccia richiesta.

In ogni momento la Struttura si impegna al rispetto delle dotazioni minime di organico professionale come definiti dai provvedimenti regionali per la tipologia della Struttura e dei correlati servizi; nonché al numero di operatori presenti nell’arco della giornata.